Cistiti e disturbi Urinari

Cistiti e disturbi Urinari

Cistiti e disturbi Urinari
Evidenze scientifiche sui benefici di fitoterapia e nutrigenomica

A cura della D.ssa Francesca Tuzi

Le infezioni batteriche genitourinarie sono tra i disturbi infettivi più diffusi. Almeno fino ai 50 anni, sono più frequenti nelle donne rispetto agli uomini, in un rapporto di 4 a 1. Sono causate dal 70 al 95% dei casi dal batterio Escherichia coli e possono interessare diversi tratti delle vie urinarie, come uretra, prostata, vescica e anche i reni.
I sintomi più comuni sono rappresentati da:

• disuria
• pollachiuria
• ematuria
• urgenza a urinare e/o impossibilità a farlo nonostante lo stimolo
• bruciore e dolore pelvico.

Gli Escherichia coli uropatogeni sono in grado di sopravvivere all’ambiente della vescica e ai suoi meccanismi di difesa (come pH acido delle urine, presenza di urea e mucina, epitelio stratificato, peristalsi vescicale); essi possiedono una serie di fattori di aderenza e penetrazione (come adesina ed emolisina), che permettono al batterio di ancorarsi alla membrana delle cellule uroepiteliali, invadere l’epitelio e formare il BIOFILM. È proprio il biofilm a favorire la proliferazione batterica e il persistere di infezioni recidivanti: si tratta di un aggregato di microrganismi che si circondano di una matrice polimerica; una vera e propria comunità di batteri con elevata capacità di adesione. Cellule batteriche “dormienti” sono protette nella parte profonda del biofilm, dove costituiscono il reservoir endogeno di germi patogeni, pronto a risvegliare la carica batterica a distanza di tempo. È proprio la formazione e la presenza del biofilm la causa di forme morbose recidivanti e tendenti alla cronicizzazione. Esiste infatti una stretta correlazione tra l’invasione degli epiteli della vescica da parte di batteri uropatogeni e soggetti che presentano infezioni ricorrenti del tratto urinario; questo perché i batteri intracellulari spesso ricolonizzano le cellule epiteliali dopo la terapia antibiotica. L’approccio vincente nel contrastare le infezioni batteriche genitourinarie è allora quello che consente di:

– attraversare e disgregare la matrice polisaccaridica del biofilm per entrare in contatto con i batteri e neutralizzare anche quelli in uno stato di quiescenza
– inibire l’adesione all’uroepitelio, l’aggregazione e la proliferazione delle cellule batteriche.

In tal senso, MELOGRANO, D-MANNOSIO e N-ACETILCISTEINA si sono dimostrati validi alleati, come confermato dalla letteratura scientifica. Di seguito alcuni degli estratti più significativi.

Efficacia di una formulazione a base di D-mannosio e melograno nel trattamento delle cistiti acute nelle donne
L’analisi condotta su donne con sintomatologia da infezione urinaria ha evidenziato che la combinazione con MELOGRANO e D-MANNOSIO può aiutare a gestire efficacemente i sintomi della cistite acuta nelle donne, senza antibiotici, nella grande maggioranza dei casi, con una RIDUZIONE dei sintomi nel 30% circa dopo 15 giorni di trattamento e nel 91% circa dopo 30 giorni di trattamento.

Confronto tra terapia antibiotica e un’associazione con D-MANNOSIO e NAC

L’associazione della terapia con mannosio e NAC ha dimostrato risultati simili alla terapia antibiotica nella prevenzione delle infezioni delle vie urinarie nei pazienti esaminati, ostacolandone la comparsa nel 95% dei casi dopo 15 giorni di trattamento, rispetto al 92% dei soggetti trattati con antibiotico. Ne emerge che i due nutraceutici rappresentano una valida alternativa nel preservare l’equilibrio e il benessere delle vie urinarie.

I benefici del D-mannosio nel trattamento dei sintomi della cistite e delle infezioni delle vie urinarie
.
Numerosi studi clinici e osservazionali evidenziano che il D-mannosio può essere utile nel trattamento dei sintomi delle infezioni delle vie urinarie (IVU) e della cistite. Il suo meccanismo d’azione non farmacologico, non metabolico, non batteriostatico o battericida, ma biomeccanico, e il fatto che non influisce sulla resistenza agli antibiotici, possono supportare l’uso del D-mannosio nel trattamento delle IVU e della cistite. I risultati di questa revisione sistematica suggeriscono che, nelle donne con sintomi di IVU e cistite, il trattamento con D-mannosio da solo o in associazione con altri composti è utile per ridurre l’intensità dei sintomi sia a breve sia a medio termine per la maggior parte dei sintomi tipici, riducendo il rischio di infezioni ricorrenti del tratto urinario.

Effetto antimicrobico dell’estratto di melograno

I dati di quest’analisi, condotta su colture di Escherichia coli e cellule uroepiteliali, hanno mostrato una riduzione fino all’80% dell’indice di adesione accompagnata da una diminuzione della motilità batterica.

N-acetilcisteina e protezione uroepiteliale

L’N-acetilcisteina si è dimostrata in grado di proteggere le cellule epiteliali della vescica dall’invasione batterica, inibendo l’infiltrazione da parte degli uropatogeni, prevenendo la successiva formazione di biofilm intracellulare e ostacolando l’adesione, l’aggregazione e la proliferazione batterica nel tratto urinario.

CISTIMEL è un integrato alimentare a base di Melograno e D-Mannosiocontribuisce alla normale funzionalità del sistema urinario.

 

25%  DI  SCONTO  SUL  PRIMO  ACQUISTO

CISTIMELCISTIMEL

CISTIMEL

A base di Melograno e D-Mannosio, contribuisce alla normale funzionalità del sistema [...]
33.00€


Bibliografia

1. Pugliese D, Acampora A, Porreca A, Schips L, Cindolo L. Effectiveness of a novel oral combination of D-Mannose, pomegranate extract, prebiotics and probiotics in the treatment of acute cystitis in women. Arch Ital Urol Androl. 2020 Apr 6;92(1):34- 38.
2. Palleschi G, Carbone A, Zanello PP, Mele R, Leto A, Fuschi A, Al Salhi Y, Velotti G, Al Rawashdah S, Coppola G, Maurizi A, Maruccia S, Pastore AL. Prospective study to compare antibiosis versus the association of N-acetylcysteine, D-mannose and Morinda citrifolia fruit extract in preventing urinary tract infections in patients submitted to urodynamic investigation. Arch Ital Urol Androl. 2017 Mar 31;89(1):45-50.
3. Marchiori D, Zanello PP. Efficacy of N-acetylcysteine, D-mannose and Morinda citrifolia to Treat Recurrent Cystitis in Breast Cancer Survivals. In Vivo. 2017 Sep-Oct;31(5):931-936.
4. Parazzini F, Ricci E, Fedele F, Chiaffarino F, Esposito G, Cipriani S. Systematic review of the effect of D-mannose with or without other drugs in the treatment of symptoms of urinary tract infections/ cystitis (Review). Biomed Rep. 2022 Jun 15;17(2):69.
5. Zam W, Khaddour A. Anti-virulence effects of aqueous pomegranate peel extract on E. coli urinary tract infection. Progr Nutr [Internet]. 2017 Oct. 23
6. Manoharan A, Ognenovska S, Paino D, Whiteley G, Glasbey T, Kriel FH, Farrell J, Moore KH, Manos J, Das T. N-Acetylcysteine Protects Bladder Epithelial Cells from Bacterial Invasion and Displays Antibiofilm Activity against Urinary Tract Bacterial Pathogens. Antibiotics (Basel). 2021 Jul 23;10(8):900.

 

“Testo tratto dal CAM Forza Vitale Itali srl su concessione della medesima azienda proprietaria Riproduzione riservata.”

Condividi...
Forvit Integratori

Lascia un commento