Il Sistema Emuntoriale

Il Sistema Emuntoriale

IL SISTEMA EMUNTORIALE DEPURATIVO
Se vuoi cacciare la tigre dalla casa, apri tutte le
porte prima di afferrarla per la coda, poiché a volte
esce da sola.

A cura del Dr. D. Dell’Aria con la collaborazione della D.ssa F. Tuzi

In questo proverbio cinese è racchiuso il significato dell’opera di depurazione di un organismo intossicato: per consentire agli organi emuntori di svolgere efficacemente la loro funzione è indispensabile garantire e sostenere la loro attività e il loro stato di salute. Come un’automobile presenta problemi se i filtri sono intasati, così il nostro corpo. Gli organi emuntori sono gli organi deputati all’eliminazione di tutto il materiale di scarto dell’organismo umano: fegato, reni, intestino, cute e anche i polmoni. Il fegato, ad esempio, quando perfettamente funzionante, riesce a processare fino al 98% delle tossine grazie a reazioni di detossificazione ed eliminazione.
Diverse sono le strategie biochimiche che gli organi emuntori attuano per disintossicare l’organismo, come reazioni di metilazione, acetilazione, glucuronazione, solfatazione, sulfossidazione.
Incessantemente nel nostro corpo transitano notevoli quantità di tossine, sia esogene come virus, batteri, tossine alimentari, farmaci, metalli pesanti, sostanze chimiche di varia origine, sia endogene come i prodotti intermedi dei processi metabolici.
Queste tossine in parte sono elaborate prima ed eliminate poi dagli organi emuntori, i nostri efficienti depuratori, e in parte sono stoccate nella matrice mesenchimale, punto di arrivo e di partenza di informazioni nervose, endocrine, immunitarie. Da qui tossine e scorie metaboliche sono smaltite quotidianamente dal sistema linfatico, che, se in condizioni fisiologiche, riesce a eliminare i rifiuti accumulati. Queste sostanze, mobilizzate a livello della matrice connettivale, devono essere trasportate alla rete linfatica e, da qui, convogliate ai diversi organi emuntori. L’efficienza di questo sistema di flusso e quindi del lavoro di “pulizia” dipende dal corretto funzionamento degli organi escretori e, quindi, dalla presenza o meno di ingorghi, interruzioni, alterazioni, insufficienze.
Il nostro organismo può essere paragonato a una casa, dove si compiono regolarmente momenti di pulizia ordinaria e straordinaria, per garantire l’armonia, l’ordine e l’igiene.
Così operano i nostri organi emuntori; il nostro equilibrio e la nostra salute dipendono essenzialmente da tre fattori: introduzione degli elementi nutritivi, metabolismo ed eliminazione delle sostanze di scarto. Senza alimentarci, quindi senza combustibile, non sopravviveremmo, così come senza bruciare gli alimenti e ricavarne gli elementi necessari alla nostra vita e l’energia per espletare le innumerevoli funzioni organiche; ma è parimenti importante la fase di eliminazione, ossia l’espulsione di residui, scorie, tossine. Se, infatti, si crea un ristagno delle sostanze di rifiuto, si determinano una serie di sintomi che hanno lo scopo di segnalarci che il delicato equilibrio è stato alterato, che le capacità di eliminazione degli organi escretori si sono saturate. Sintomi emozionali (senso di spossatezza, depressione, cattivo umore, svogliatezza, ansietà), sintomi psichici (confusione, stordimento, ideazione lenta, indecisione, memoria labile), sintomi fisici (occhi arrossati e gialli, palpebre gonfie, naso chiuso, lingua patinosa, bocca impastata o secca, vista offuscata, alitosi, dolori al cuoio capelluto, mal di testa, di pancia, di stomaco, malessere generale, problemi cutanei, vertigini, astenia) caratterizzano un sovraccarico dei processi di eliminazione con il progredire di un’intossicazione generale.
Quando il sistema emuntoriale non riesce a espletare efficientemente ed efficacemente le sue funzioni di metabolizzazione, neutralizzazione ed eliminazione, perché uno o più organi non funzionano perfettamente o per problemi ostruttivi, l’organismo cerca in ogni modo di espellere le scorie e comunque di non trattenerle nella sua parte più interna, sede degli organi vitali. Si presentano così diverse affezioni, le più comuni e generali quelle dermatologiche e osteo-articolari, sintomo del tentativo dell’organismo di liberarsi in qualche modo, anche quello patologico, delle scorie umorali. Tessuto adiposo, articolare e connettivo sono infatti i siti preferenziali di deposito dell’organismo. Si verificano anche patologie più circoscritte come cefalee ed emorroidi, ulteriore tentativo di allontanare dal centro vitale dannosi squilibri.
L’organismo umano è un sistema di flusso dinamico la cui salute dipende dall’equilibrio tra introduzione, trasformazione ed escrezione finale delle sostanze di scarto. Se questo meccanismo si inceppa, può instaurarsi un circolo vizioso dove l’eccessivo e progressivo accumulo di tossine determina il rallentamento delle attività
degli organi emuntori. È evidente che, per garantire una vita longeva e in buona salute, occorre preservare il corretto e fisiologico funzionamento del sistema emuntoriale. Laddove questo presentasse delle alterazioni, è allora indispensabile intervenire con opportune scelte terapeutiche.
Se per la medicina convenzionale è un aspetto poco significativo, per le medicine complementari (dall’omeopatia alla fitoterapia, dalle medicine orientali all’omotossicologia) il drenaggio rappresenta un intervento essenziale per consentire al corpo di ritrovare la propria fisiologica efficienza. Le terapie disintossicanti non hanno però solo lo scopo di sostenere la funzionalità degli organi emuntori, ma anche di rendere l’organismo più recettivo a cure successive, rendendolo maggiormente capace di instaurare processi di guarigione. Per realizzare questo stato, occorre agire efficacemente, profondamente ma dolcemente, secondo modalità e tempi da stabilirsi secondo l’inquadramento biotipologico e metabolico del soggetto. Inoltre, secondo la cronobiologia, la primavera è il periodo ideale per sottoporsi a cure disintossicanti; questa stagione, fase di rinascita, di risveglio, di rinnovamento, richiede anche all’organismo di adattarsi prontamente ai cambiamenti di temperatura, umidità, luce e questo può avvenire più facilmente in un corpo libero da scorie tossiniche e con un sistema emuntoriale efficiente.

“Testo tratto dal CAM Forza Vitale Itali srl su concessione della medesima azienda proprietaria Riproduzione riservata.”

Condividi...
Avatar
Forvit Integratori

Lascia un commento