Infiammazione Cronica e Allergie

Infiammazione Cronica e Allergie

Infiammazione Cronica e Allergie

A cura del Dr. Joseph Cannillo

La famiglia delle patologie autoimmuni è molto vasta, ed i disturbi classificabili sotto questa categoria risultano eterogenei sia per quanto concerne la gravità della patologia che per l’area soggetta al danno organico. Si trovano quindi nell’area autoimmune disturbi cutanei come dermatite atopica o psoriasi, forme di dolore cronico quali artrite reumatoide, polimialgia reumatica, fibromialgia, CFS (Chronic Fatigue Syndrome, sindrome da stanchezza cronica), ma anche patologie delle vie respiratorie a carattere allergico ed infiammatorio (riniti allergiche, forme asmatiche), congiuntiviti allergiche.
Le patologie autoimmuni, pur nelle evidenti differenze, sono tutte caratterizzate dalla natura infiammatoria cronica associata ad un’alterazione neuroendocrina che impedisce l’estinguersi del focolaio infiammatorio. In tutte le patologie citate, si attestano quindi incrementi nell’espressione di citochine proinfiammatorie quali IL-2, IL-6 e TNF-α e di marcatori infiammatori (come la proteina C-reattiva).
Gli studi rilevano in modo uniforme un deficit nella risposta dell’asse immunoendocrino nei soggetti affetti da queste patologie, con la conseguente difficoltà o impossibilità a ridurre l’attività allergica in corso.
La curcumina, componente attivo della curcuma, è un composto polifenolico ad attività antiinfiammatoria ed anti-allergica che attenua significativamente l’attività dei
mastociti, ossia le principali cellule coinvolte nella risposta allergica o di ipersensibilità immediata. L’attivazione dei mastociti si verifica in presenza di uno specifico antigene contro cui viene indirizzata l’immunoglobulina E (IgE) di superficie. L’attivazione dei mastociti produce istamina, nonché un’ampia varietà di altri mediatori infiammatori.

Infiammazione generale
Diversi studi negli ultimi anni hanno individuato uno stretto rapporto tra i meccanismi infiammatori e la genesi di diverse malattie.
Il disturbo sull’organismo rappresentato dalla presenza di un’infiammazione persistente, anche di minima entità, può creare infatti la condizione per lo sviluppo di alcune patologie e soprattutto può contribuire al loro mantenimento, o interferire pesantemente con la loro guarigione.
Alcune malattie dipendono dal ‘consumo di sistema immunitario’ che può essere provocato, per esempio, dall’esistenza di un’ipersensibilità alimentare o dall’esposizione anche lieve, ma continuativa, a metalli pesanti. Altri tipi di malattia derivano dal persistente stato infiammatorio dovuto alle reazioni immunitarie; le reazioni infiammatorie locali, sul sistema digestivo, possono infatti determinare colite, coliche del lattante, meteorismo, indigestione, difficoltà di assorbimento di minerali e altri nutrienti, aria addominale, gastriti, duodeniti o contribuire allo sviluppo di patologie infiammatorie croniche come il morbo di Crohn o la rettocolite ulcerosa.

INFLAGEN è un integratore a base di Omega 3, Curcuma, Berberis, che favorisce la funzionalità articolare.
I prodotti della linea DNA sono formulati in compresse gastroresistenti a rilascio modulato. Questo permette di proteggere i componenti più delicati della compressa dagli attacchi dell’acido gastrico garantendo una maggiore assunzione di principi attivi.

Tutti i prodotti della linea DNA contengono una miscela di nutrienti ed ingredienti vegetali specifici per le diverse esigenze che agiscono sinergicamente per il raggiungimento del fisiologico stato di benessere.

 

“Testo tratto dal CAM Forza Vitale Itali srl su concessione della medesima azienda proprietaria Riproduzione riservata.”

Condividi...
Avatar
Forvit Integratori

Lascia un commento