Prestazione Sportiva e Peso forma

Prestazione Sportiva e Peso forma

Prestazione sportiva e Peso forma

A cura di Paride Travaglini

La corsa è tra gli sport più amati e praticati in assoluto ed un peso adeguato è importante per correre meglio ma soprattutto per mantenere uno stato di benessere duraturo.
Bisogna sempre considerare inoltre cosa si andrà a fare: se si corre per mantenersi in forma o se la finalità sono le gare.
Con l’agonismo, infatti, il discorso si complica anche perché in questo caso oltre a peso ed altezza che definiscono l’indice di massa corporea (BMI), vanno considerati altri fattori come la composizione corporea, la valutazione della massa grassa e della massa magra, il metabolismo basale, oltre al fattore età che diventa importantissima.
Lo sport “professionistico” è diverso dallo sport salutare e può creare danni all’organismo se non gestito nella maniera corretta.
La moda del momento è cimentarsi su maratone, ultramaratone e lunghe distanze senza aver mai fatto veramente atletica e quindi senza una base tecnica, ma soprattutto il più delle volte con un peso corporeo non consono che può portare ad infortuni anche gravi.
Il gesto atletico della corsa consiste in una fase detta “di volo” in cui entrambi i piedi sono sollevati dal terreno. Per le leggi della fisica un soggetto sovrappeso dovrà spendere più ossigeno ed energia per avanzare rispetto ad uno esile con aumento della percezione della fatica ed un calo della prestazione.
Alla fase di volo segue quella del ritorno al suolo con conseguente impatto del piede di appoggio sul terreno. Si deduce che un soggetto in sovrappeso ripetendo tale fase per un numero di volte vada a sovraccaricare in modo non trascurabile colonna vertebrale, schiena, ginocchia e caviglie, se poi non si ha una scarpa adatta alle proprie caratteristiche fisiche e non c’è un recupero adeguato si può incorrere in traumi anche gravi e patologie come tendiniti, stiramenti, microfratture ecc..
Si comprende dunque l’importanza del peso non solo per quanto riguarda la prestazione (avere un peso corporeo inferiore porta a consumare minori calorie durante una gara e di conseguenza si avrà bisogno di ingerire meno calorie prima della gara stessa) ma soprattutto per la salute.
Esiste un peso forma ed un peso ideale ai quali si potrebbe aggiungere anche un “peso ideale sportivo” .
Il peso forma è definito come il “valore del peso di un individuo in grado di assicurare la sua salute, il suo benessere fisico e una certa pienezza vitale” ed è il peso in grado di abbassare il rischio di patologie cardiocircolatorie e metaboliche quali ipertensione, infarto, diabete mellito ma anche malattie legate all’eccessiva magrezza.
Il peso ideale è invece un peso legato al soggetto ed alle sue caratteristiche fisiche: può coincidere col peso forma ma può essere superiore o inferiore. Sopra al peso ideale si è sicuramente in sovrappeso o si ha una muscolatura molto sviluppata.
Il “peso ideale sportivo”, che dipende dallo sport praticato, potrebbe essere definito come il peso ottimale per garantire la prestazione ma che non tiene conto dell’aspetto salutare.
Se si prende in considerazione la corsa, nello specifico la maratona, tale peso è di molto al di sotto del peso forma e ciò potrebbe portare all’insorgere di patologie legate proprio all’eccessiva magrezza: più vulnerabilità alle infezioni con maggiore probabilità di ammalarsi.
E’ per questo motivo che bisognerebbe correre, soprattutto con l’età che avanza anche se si fanno le gare, per il gusto di farlo e per stare bene, lasciando l’agonismo ai più giovani e la gestione dell’atleta professionista ad un medico sportivo ed esperti del settore che possono consigliare un’alimentazione ed un’integrazione adeguata al tipo di attività per non creare danni a volte irreparabili.

Il protocollo integrativo Bio-Food è un programma nutrizionale specifico che oltre ad ottimizzare il rendimento sportivo, protegge i nostri muscoli dai danni causati dai radicali liberi durante l’allenamento e favorisce il benessere quotidiano. L’integrazione regolare di estratti multiminerali in forma bio-attiva (Mitoddy), rigeneratori mitocondriali proenergetici (BIOnadhplus), antiossidanti dell’ultima generazione (NutrigenSOD), (Cuprum C), se adeguatamente utilizzati in associazione sinergica possono rappresentare un aiuto assai efficace.

Condividi...

Lascia un commento