Esercizio Fisico e Risposta Immunitaria

Esercizio Fisico e Risposta Immunitaria

Esercizio e Stress, Risposta Immunitaria

 

A cura di Vladimiro Lambertelli

Il meccanismo difensivo del sistema immunitario è innescato dal “contatto” biologico con l’antigene, cioè una sostanza che l’organismo identifica come estranea; microrganismi, tossine, proteine estranee, tessuti trapiantati, sono sostanze capaci di stimolare la risposta immunitaria. Batteri, virus e i vari microrganismi, contengono antigeni contro i quali il sistema immunitario produce anticorpi con lo scopo di neutralizzarli.
Centinaia di ricerche dimostrano che l’esercizio può influire sull’immunità; gli studi che hanno misurato la risposta immunologica all’esercizio leggero o medio riferiscono solo modificazioni lievi e temporanee, mentre quelli sull’immunità dopo un esercizio intenso mostrano effetti assai più marcati.
Le concentrazioni monocitarie nel sangue vengono triplicate, ad indicare una forte risposta; viene bloccata la crescita linfocitaria, il che indica che il sistema immunitario viene depresso dallo stress dell’esercizio, si blocca per molte ore anche l’attività delle cellule natural killer. Dato che le cellule natural killer sono la prima linea di difesa, la loro eliminazione lascia aperto il campo alle infezioni opportuniste; la differenza della diversa influenza dell’allenamento sul sistema immunitario è da attribuire all’intensità dell’allenamento stesso.
Se l’allenamento è adeguato allo scopo, il sistema immunitario reagisce allo stress dell’esercizio rafforzandosi; studi effettuati sia sugli animali sia sull’uomo dimostrano che precisi programmi di allenamento rafforzano sempre il sistema immunitario .
Il livello e la durata dell’esercizio sono quindi la chiave; uno studio recente, per esempio, svolto su giovani sedentari portati dall’abituale livello di esercizio zero, a 40 minuti di esercizio aerobico giornaliero per cinque giorni alla settimana, ha indotto, dopo 15 settimane, una marcata depressione dell’attività delle loro cellule natural killer. 15 settimane di sforzo, per loro esagerato, hanno danneggiato le difese immunitarie e li hanno esposti al rischio di malattie.
Nel 1984 il Colgan Institute ha seguito atleti americani, inglesi e sovietici, riscontrando tra di loro un elevato numero di immunodepressi; gli atleti di tutte e tre i paesi erano più esposti alle infezioni rispetto alla popolazione in generale e con l’aumentare dell’allenamento o delle gare aumentava anche il tasso di malattia.
Il Dr.L. Fitzgerald, del St. George’s Hospital Medical School di Londra, riferisce che il sistema immunitario degli atleti agonisti ad altissimo livello è spesso molto depresso e che essi sono particolarmente soggetti ad infezioni virali. Il Dr. L. Salo ha rilevato nei migliori nuotatori un aumento del rischio di malattia col progredire della stagione sportiva e dell’intensità dell’esercizio .
Altro esempio è costituito dai maratoneti, i quali arrivano ad una gara in perfetta salute, ma dopo lo sforzo massimale della gara molti di loro si ammalano nelle settimane successive; secondo una ricerca, un terzo dei maratoneti arrivati al traguardo hanno avuto un’infezione alle vie respiratorie superiori entro due settimane alla corsa.
In un’altra ricerca il Dr. Gregory Health e colleghi del Center for Desease di Atlanta e dell’Università della South Carolina, hanno rilevato malattie delle prime respiratorie in 530 corridori, maschi e femmine, nell’arco di 12 mesi; la frequenza delle infezioni era direttamente proporzionale ai chilometri percorsi settimanalmente. Più lunghe le distanze percorse più numerose le malattie.
Le ricerche confermano che gli atleti più qualificati americani e inglesi contano molti più giorni di malattia rispetto agli sportivi di livello amatoriale.
Per quanto riguarda i corridori, le malattie li tengono fermi dall’allenamento molto più che gli infortuni; i migliori e i più allenati maratoneti americani hanno il più basso conteggio di linfociti. I membri della squadra di sci di fondo americani, sia uomini sia donne, hanno un’immunità più scarsa dei controlli .
Il Dr. Rod Fry, della University of Western Australia, ha pubblicato un lavoro che mostra come gli atleti migliori siano spesso sovrallenati, immunodepressi ed esposti alle malattie.

Tutto ciò conferma un dato di fatto; se non ci si allena intensamente non si raggiunge il proprio miglior potenziale; se ci si allena intensamente si danneggia il proprio sistema immunitario. La soluzione va ricercata nei recenti progressi in fatto di nutrizione e nella terapia di profilassi e riequilibrio delle vie enzimatiche; l’integrazione regolare di estratti multiminerali (oltre 70) in forma bio-attiva (MITODDY), Rigeneratori mitocondriali pro energetici a base di NADH e Q10 (BIOnadhplus), Antiossidanti dell’ultima generazione a base di SOD, Vitamina E/d-alfatocoferolo, Picnogenolo (NutrigenSOD), stimolatori del sistema immunitario a base di Te Verde, Echinacea, Propoli, Acido Ascorbico (IMUNOGEN) se adeguatamente utilizzati in associazione sinergica possono rappresentare un aiuto assai efficace.

 

 

Bibliografia – Optimum Sports Nutrition  (L’esercizio interviene sull’immunità)

– Peterson BK. Influence of physical activity on the cellular immune system. Int J Sports Med 1991;12:S23-S29.
– Nieman DC, et al. Effects of long endurance running on immune system parameters and lynphocyte function in experienced marathoners. Int J Sports Med 1990;11127-131.
– Tvede N, et al effect of physical exercise on blood mononuclear cell subpopulations and in vitro proliferative responses. Scand J Immunol 1898;29:383-389.
– Pederson BK, et al. Indomethacin in vitro and in vivo abolished post exercise suppression of natural killer cell activity in peripheral blood. Int J SPorts Med 1990;11:127-131.
– Pederson Bk, et al. modulations of natural killer cell activity in peripheral blood by physical exercise. Scand J Immunol 1988;26:673-678.
– Kishimoto C, et al. The protection of coenzyme Q10 against experimental viral myocrditis in ice. Japanese Circ J 1984;48:1358-1361.

 

Bibliografia – Optimim Sports Nutrition  (Gli antiossidanti combattono gli infortuni)

– Ernster L. Oxygen as an environmental poison. Chemical Scripta 1986; 26: 525-534.
– Gerutti A, et al., eds. Oxy-radicals in Molecular Biology and Pathology New York: AR Liss, 1988.
– Brooks GA, Fahey TD. Exercise Physiology. New York: John Wiley and Sons, 1984.
– Quintanilha A. In: Miguel J, et al., eds. Handbook of Free Radicals and Antioxidants. Boca Raton, FL: CRC Press, 1989;133.
– Gullnick PD, et al. European Journal of Physiology 1990; 415:407-413.
– Loschen E, et al. Superoxide radicals as precursors of mitochondrial hydrogen peroxide. FEBS Letters 1974;42:68-72.
– Karlsson J. Heart and skeletal muscle ubiquinone or CoQ10 as a protective agent against radical formation in man. In: Benzi R, Libby B., eds. Advences in Myochemistry, Eurotext Ltd, 1987;305-318.
– Gohill K, et al. effect of exercise training on tissue vitamin E and ubiquinone content. J Applied Physiol 1987;63:1638-1641.
– Folkers K, ed Biomedical and Clinical Aspects of Coenzyme Q vol 3. Amsterdam: Elsevier, 1981.
– Beyer RE, et al. Elevation of coenzyme Q and cytochrome C concentrations by endurance exercise in the rat. Arch Biochem Biophys 1984;234:323-329.

Condividi...

Lascia un commento